20 marzo, 2014

Fidarsi della scienza, non fidarsi dell'industria

Ad ogni grande scoperta dell'uomo, ha fatto sempre seguito una rapida ondata di produzione industriale e di ottimismo commerciale.
Questa corsa contro il tempo, volta a conquistare il mercato con prodotti sempre nuovi, ha spesso creato conseguenze disastrose.

Gli scienziati non hanno neanche il tempo di validare gli effetti a lungo termine delle scoperte sulla salute o sull'ambiente, che nel frattempo le aziende iniziano già a lucrare con la distribuzione al pubblico.

Quando Marie Curie scoprì la radioattività, ad esempio, l'industria entrò subito in fermento, portando nelle case della gente degli oggetti pericolosissimi.
Non si conoscevano ancora i rischi della radioattività sull'uomo, ma il mercato sembrava comunque entusiasta: c'erano nuove idee da vendere a tutti i costi.

 toothpaste__7999
La fabbrica Auergesellschaft di Berlino iniziò a commercializzare, ad esempio, nel 1920 un dentifricio radiattivo al Torio, chiamato Doramad, e pubblicizzato come miracoloso per l'incredibile effetto antibatterico e sbiancante sui denti.


Il dottore farmacista Alexis Moussalli, Parigino ma di origini Egiziane, brevettò tra il 1927 ed il 1934 ben 101 preparati a base di Radio, Torio ed altre sostanze radioattive. La creazione che ebbe più successo a livello commerciale fu THO-RADIA, disponibile come
tho-radiacrema o polvere,  venduta come prodotto di bellezza e curativo a donne di tutte le età - metodo scientifico.
L'inventore William J. A. Bailey, con una falsa laurea ad Harvard, dichiarò nel 1918 che secondo dei suoi studi l'acqua potabile arricchita con il radio potesse stimolare il sistema endocrino e curare patologie come il diabete, l'impotenza, l'anemia, l'asma e diverse altre patologie ancora. Si arricchì mettendo in commercio la bevanda Radithor, fabbricata nel New Jersey. Aveva investito nell'idea il ricco industriale americano Eben Byers che, per ironia della sorte, morì nel 1932 proprio a causa dell'ingestione prolungata di Radithor.

Il fondo probabilmente lo toccò la Home Products Company di Denver, in Colorado,  che nel 1930 pubblicizzò un surrogato dell'attuale Viagra. La supposta radioattiva che avrebbe garantito prestazioni sessuali "scintillanti".


6a00d83542d51e69e20133f45ee1d2970b-500wi


Ci si accorse troppo tardi delle conseguenze della radiattività sull'uomo. Pian piano tutti gli scienziati che avevano attivamente lavorato in quell'ambito di ricerca iniziarono a morire precocemente. Prima Charles Madison Dally, nel 1904, poi Elizabeth Ascheim l'anno seguente,  Marie Curie nel 1934, Louis Slotin nel 1946 e tanti altri ancora.

Il loro sacrificio non è servito a molto per cambiare le intenzioni dell'industria.


tapedispenser
Tra agli anni '70 e gli anni '80, infatti, l'azienda 3Mtuttora leader mondiale nel suo settore, produsse un dispenser di nastro adesivo radiattivo. Era il modello C-15 Decor Scotch e conteneva Torio. La sostanza radioattiva era stipata nella pesante base che rendeva il dispenser stabile sulle scrivanie.

Con modalità analoghe a queste  appena elencate,  la radioatività era entrata ormai dentro la maggior parte degli oggetti e si era diffusa in maniera incontrollabile:

  • Uranio - nella ceramica utilizzata per dentiere, pentole, gioielli, mattonelle da bagno e nel vetro e marmo;
  • Uranio impoverito -  nei dadi da gioco per bambini e proiettili;
  • Torio - in lanterne incandescenti, utensili ed oggetti di ferramenta in lega magnesio-torio,  bacchette per le saldatrici, obiettivi fotografici, sale alimentare povero di sodio, noci brasiliane, gomme da masticare, cioccolate;
  • altri isotopi radioattivi - nelle penne per scrivere, candele per motori delle macchine, farmaci antidiarroici, rilevatori di fumo, valvole elettriche, gioielli, palline da golf, fertilizzanti per terreni, sale e carta lucida delle riviste a colori.
colazione_8014
E' scientificamente provato che la radioattività crea danni al nucleo delle cellule ed al DNA, anche irreversibili.
In caso di danni irreversibili al DNA, la cellula darebbe vita a una progenie di cellule geneticamente modificate che potranno dar luogo a tumori o leucemie.

Tutti questi oggetti, che in maniera subdola hanno minato per decenni il nostro DNA e la nostra salute, adesso sono finiti nelle discariche di tutto il mondo e resteranno li ad inquinare ancora per molto.

Il Radio dimezza la propria intensità di irradiazione (emivita) in un periodo di 1602 anni, il Torio invece è quasi perenne. La sua emivita, infatti, è tre volte l'età attuale della terra.

Con la radioattività, l'entusiasmo e la logica del guadagno aveva prevalso.
Facciamo in modo che la ricerca scientifica non si fermi, ma che l'industria non ci lucri sopra prima che gli scienziati abbiano avuto il tempo di verificare gli effetti delle scoperte.

Sta succedendo di nuovo con gli OGM. Fermiamoli prima che sia troppo tardi.

Giovanni Gasparri
Toronto, 19 Marzo 2014

PENSIAMO GLOBALMENTE,
AGIAMO LOCALMENTE!

PER APPROFONDIRE

Nessun commento:

Posta un commento