19 gennaio, 2014

Un'isola tra le onde

Con le tre rivoluzioni industriali che si sono verificate negli ultimi 250 anni, l'Umanità si è trasformata enormemente. Queste nuove conquiste hanno creato il nuovo fenomeno del Consumismo che ha, a sua volta, creato quello dell'Inquinamento massivo. Novità assolute da quando la vita si è impiantata sulla Terra.

Possiamo dire che con la rivoluzione industriale si sia verificato un avvicendamento di tappe evolutive importante. Si è passati infatti dall'Homo Sapiens all'Homo Inquinans, anche se gli scenziati dell'evoluzione non ne prendono atto facilmente.

Si è passati progressivamente da una civiltà di fatto naturale, basata sull'artigianato e sullo scambio etico ad una civiltà impropriamente definita avanzata o tecnologica, che utilizza pesticidi, processi chimici, OGM, e che necessita di macchinari, imballaggi, pubblicità e spedizioni.

Anche l'approccio è cambiato. Dietro il consumismo si nasconde il Capitalismo e quindi tutti i processi produttivi hanno finalità di lucro e questo alimenta il consumo indiscriminato ed ingiustificato di prodotti inutili, progettati per rompersi e non essere piu aggiustati ma riacquistati. Insomma verrebbe da chiedersi se veramente questo si possa chiamare progresso.

Alle forme tradizionali di inquinamento che tutti conoscono, come ad esempio le discariche a cielo aperto che si trovano facilmente lungo le nostre strade, si affiancano quelle nuove come l'inquinamento elettromagnetico.

È interessare prendere atto che quando si parla di elettrosmog, generalmente insorge il panico e quando qualcuno disgraziatamente muore di tumore tutti collegano senza cognizione di causa la disgrazia alle "radiazioni eletromagnetiche".

Questo nome "esotico", che sembra così distante dalla realtà, fa immediatamente pensare alle radiazioni ionizzanti, quelle di Chernobyl, che però sono un fenomeno molto diverso e decisamente pericoloso.
Inoltre il fatto che le onde elettromagnetiche siano invisibili e impalpabili le rende misteriose ai non addetti ai lavori. E si sà, l'uomo ha più paura dei grandi misteri che delle stupide lattine che inavvertitamente butta via dal finestrino della propria auto mentre cammina. Ne è un esempio il fatto che è spaventato dall'improbabile e rara eruzione di vulcani, ma non percepisce il rischio che corre ogni giorno nelle attività di routine, magari guidando in autostrada.

Guardando un prato pieno di buste di plastica e rifiuti siamo abituati ormai a considerarlo uno scenario normale e pensiamo tra noi "è soltanto un po' di sporcizia". Invece non riuscendo a percepire le onde elettromagnetiche, e non vedendole, tendiamo a pensare che siano loro la causa di tutti i nostri mali e questo, erroneamente, giustifica i comportamenti sbagliati di tutti i giorni.

Tutti si indignano e denunciano i grandi sprechi ed i grandi inquinamenti ambientali, ma nessuno si rende conto che siamo tutti inquinatori quotidiani, anche quando accendiamo il cellulare o usiamo la lavastoviglie o magari la tv.

C'è da dire però che l'inquinamento elettromagnetico è fortunatamente estremamente volatile. Infatti basterebbe spegnere l'interruttore della fonte di irradiazioni elettromagnetiche per ripristinare immediatamente la normalità. La stessa cosa, però, non si può fare con i rifiuti abbandonati per strada, che verranno pian piano trascinati via dalle pioggie e portati nei fiumi e poi nei mari.

E sapete dove andrà a finire la spazzatura che abbandoniamo per strada?

Nel futuro dei nostri figli, su incredibili isole artificiali negli oceani, realizzate però non da sceicchi o megacostruttori, ma dalla nostra incoscienza.
Così ci preoccupiamo per Fukushima (per cui non possiamo ormai fare nulla), ma non diamo il nostro contributo magari facendo seriamente la raccolta differenziata o insegnando agli altri l'amore per l'ambiente.


Giovanni Gasparri
Toronto, 19 Gennaio 204



FONTI

LICENZA
© Questo articolo, denominato "Un'isola tra le onde" di Giovanni Gasparri  è fornito integralmente sotto licenza internazionale Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0.
Per consultare una copia della licenza d'uso visita il link http://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0/deed.it.
Tu hai il diritto di leggere, copiare, stampare, salvare, modificare, migliorare, distribuire, vendere, fotocopiare o correggere il presente lavoro. Le uniche restrizioni sono che se lo distribuisci, devi citare l'autore ed il titolo del documento, e se prendi spunto da questo lavoro per creare un'opera derivata devi allo stesso modo citarli. Con questa licenza ti diamo praticamente ogni libertà di utilizzare le informazioni, ad eccezione di togliere quella libertà ad altri.
dotEPUB
Prima di stampare questa pagina considera l'impatto che avrà sull'ambiente

Nessun commento:

Posta un commento